Quantcast

Ancora senza nome la donna nella roggia

Nessuna identità per il cadavere dell'anziana ripescata domenica sera ad Orzinuovi. Tra le ipotesi, quella che potrebbe trattarsi di una badante, forse clandestina.

(red.) Resta ancora senza nome il cadavere della donna ripescata domenica sera, attorno alle 21, dalla roggia Villachiara ad Orzinuovi, nel Bresciano. Si tratterebbe di un’anziana dall’apparente età di 60-70 anni, di piccola statura e di corporatura robusta, che al momento del ritrovamento indossava una vestaglia da notte e degli slip.
La salma è stata tratta a riva da una coppia di fidanzati che stava facendo una passeggiata lungo via Raffaello Sanzio e che si è accorta del corpo che galleggiava in poco meno di un metro di acqua. la donna non aveva con sé documenti: addosso due fedi e un paio di piccoli orecchini.
nessuan denuncia di scomparsa è stata presentata e le indagini si fanno difficili perché nessuna persona ha reclamato (per il momento) la salma della donna.
Secondo quanto emerso, la sconosciuta, al momento del recupero, doveva essere morta d apoco tempo: sul corpo non c’erano segni di violenza, ma, sul dorso delle mani, piccole ferite da escoriazione, così come sulla fronte.
L’ipotesi che si sta affacciando in queste ultime ore è che si possa trattare di una clandestina, forse di una badante dell’Est Europa,ragione per cui nessuno, finora, ne ha dichiarato la scomparsa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.