Quantcast

Uccise i genitori, prosciolto dal tribunale

Marco Antonelli, che soffocò il padre Piero e la madre Alba Chiodi, è stato giudicato non colpevole a causa della sua "personalità schizzoide". Ospedale psichiatrico.

(red.) Marco Antonelli, 28enne di Gavardo che uccise a mani nude i genitori Piero e Alba Chiodi, è stato prosciolto perchè incapace di intendere e di volere. E’ questa la decisione presa mercoledì 31 luglio dal gip Cesare Bonamartini del tribunale di Brescia. Il ragazzo non sarà comunque in libertà, poichè dovrà scontare una detenzione in un ospedale psichiatrico giudiziario non inferiore ai 10 anni.
Il giudice ha dunque accolto la richiesta del pm Claudio Pinto, che alla luce delle dichiarazioni Federico Durbano, medico del Fatebenefratelli di Milano, aveva chiesto di non procedere contro l’imputato. Il perito, nel suo rapporto,  aveva sottolineato come, la sera del delitto, il 31 maggio del 2012, Marco Antonelli fosse incapace di intendere perché affetto da un “grave disturbo di personalità di tipo schizoide”.
Nella perizia di Durbano, si fa anche riferimento alla concomitanza fra i
l disturbo schizoide del giovane e un abuso cronico di sostanze stupefacenti come cannabinoidi e alcolici.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.