Quantcast

Picchiato e rapinato mentre aspetta l’autobus

La disavventura è capitata a un 44enne pasticcere milanese che, da Bergamo, attendeva il bus per Boario. E' stato aggredito da 7 immigrati e derubato di tutto.

(red.) Picchiato e rapinato mentre aspettava l’autobus. La disavventura è capitata a un 44enne pasticcere milanese che in tarda serata si trovava alla stazione delle autolinee di Bergamo per prendere il pullman che lo avrebbe portato dai genitori residenti a Boario, nel Bresciano. Improvvisamente due nordafricani, uno dei quali armato di coltello, con un pretesto hanno cominciato a insultarlo e minacciarlo. Lui ha allora estratto uno spray lacrimogeno antiaggressione che aveva in tasca e l’ha spruzzato in faccia a uno dei due.
Altri cinque uomini sono arrivati a spalleggiare i primi due, e il milanese è stato preso a calci, pugni e bastonate. Prima di andarsene gli aggressori gli hanno preso tutto ciò che aveva: il cellulare, un iPhone 4S nuovo che doveva regalare al padre, il portafogli con mille euro in contanti, un trolley e uno zainetto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.