Donna incinta accoltellata dal marito

Mosso da gelosia, picchia e ferisce la moglie al nono mese di gravidanza. La 42enne sembrerebbe essere fuori pericolo. Arrestato per tentato omicidio il coniuge.

(red.) Lunedì 3 giugno una donna incinta al nono mese di gravidanza è stata picchiata e ferita con un’arma da taglio.
L’aggressione è avvenuta a Cividino di Castelli Calepio, vicino al confine bresciano. L’aggressore è il marito della donna. Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo, di origine tunisina, avrebbe aggredito la moglie fra le mura domestiche in seguito ad un litigio strattonandola, prima e ferendola con un coltello, poi.
Nel tentativo di mettersi in salvo, la donna, 42enne bergamasca, sarebbe  scappata sul pianerottolo. I vicini, sentendo le urla della donna, avrebbero immediatamente chiamato un’ambulanza. Il marito aggressore, invece, avrebbe tentato di scappare in sella ad una bicicletta, salvo poi essere stato rintracciato e arrestato dai carabinieri. Le condizioni della donna, che è stata immediatamente trasportata all’ospedale di Seriate,  non sembrerebbero gravi. Sarebbe fuori pericolo, fortunatamente, anche il bambino che porta in grembo. A scatenare il litigio sarebbe stata la gelosia dell’uomo che ,ora, dovrà rispondere delle’ accusa di tentato omicidio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.