Quantcast

Giovani truffatori raggiravano anziani

Fingevano di montare un apparecchio di segnalazione delle fughe di gas, sottraendo circa 400-500 euro a colpo. Denunciati quattro ragazzi.

Più informazioni su

(red.) Raggiravano gli anziani, fingendo di montare un rilevatore di fughe di gas dietro pagamento di 400-500 euro.
Nei guai, sono finiti quattro giovani della provincia di Brescia: un 25enne di Collebeato, un 32enne di Ghedi, un 28enne di Colico e un 22enne di Paderno Franciacorta. Il quartetto aveva imparato a scegliere per bene le vittime, preferendo anziani soli, con problemi di salute. Il copione era poi sempre lo stesso: si presentavano come venditori porta a porta di rilevatori di fughe di gas per conto di note compagnie.
Riuscivano, così, facilmente  conquistare l’attenzione e la fiducia delle vittime, che consegnavano l’acconto o il prezzo piano del millantato apparecchio salvavita. I ragazzi provvedevano quindi a montarlo, attaccando un nastro biadesivo o una luce notturna, e scappavano con i soldi. La maggior parte dei colpi sono stati messi a punto soprattutto in Valle Sabbia. A Vestone, sono riusciti a sottrarre ben 2.400 euro ad una 83enne sola.
A mettersi sulle tracce dei quattro truffatori, i carabinieri di Vestone. Tre dei quattro giovani sono risultati pregiudicati per reati specifici.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.