Quantcast

Sarezzo, ancora grave operaio ustionato

L'uomo di 56 anni era caduto in una vasca di acqua a 70-80 °C, riportando bruciature sul 90% del corpo. Resta da chiarire la dinamica e le cause dell'incidente.

Più informazioni su

(red.) Non ci sono novità sulle condizioni di Matteo Canta, l’uomo di 56 anni caduto nella vasca di raffreddamento nel laminatoio delle Acciaierie Venete, mercoledì 8 maggio, a Sarezzo, nella provincia di Brescia.
L’operaio  ha riportato ustioni sul 90% del corpo e le sue condizioni restano ancora molto gravi. E’ ancora ricoverato al centro Grandi ustioni di Verona, dove è stato trasferito dopo il ricovero al Civile di Brescia, mentre resta da chiarire la dinamica dell’incidente. I carabinieri hanno aperto un fascicolo per lesioni colpose in seguito a infortunio sul lavoro.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.