Nel freezer 350 uccelli, denunciati tre fratelli

A Preseglie la Forestale di Gavardo e Vobarno e le guardie ecozoofile dell'Ampana hanno sequestrato gli animali morti e munizioni ed armi illegali a tre bracconieri.

(red.) Nel freezer c’erano oltre 350 uccelli morti, ma anche due scoiattoli rossi, surgelati. Nei guai sono finite tre persone, denunciate per bracconaggio, resistenza, omessa denuncia di armi e munizioni. E’ il bilancio dell’operazione condotta nei giorni scorsi nella zona di Preseglie (Brescia) dalla Forestale di Gavardo e di Vobarno in collaborazione con le guardie eco zoofile dell’associazione Ampana di Brescia.
Gli uomini della Forestale hanno pizzicato un cacciatore di frodo mentre stava raggiungendo due “tese” che aveva posto in un´area boschiva. L´uomo, C.A. di 39 anni, ha cercato di opporsi alle guardie mettendosi in fuga, ma venendo poi raggiunto nei pressi della propria abitazione. In casa c´era anche la sorella, C.G. di 37 anni, che ha a sua volta opposto resistenza al controllo degli agenti.
Dalla perquisizione sono emerse numerose munizioni e armi detenute indebitamente, di cui una illecitamente modificata, varie trappole e reti nonché un gran numero di esemplari di avifauna protetta morta. L´arma modificata risultava intestata ad un altro fratello del bracconiere, C.G. di 46 anni. Tutti e tre i fratelli sono stati denunciati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.