Quantcast

Comezzano, nuovo picchetto antisfratto

Martedì mattina 40 attivisti di Diritti per tutti e del Comitato provinciale, ha bloccato il terzo accesso dell'ufficiale giudiziario verso una famiglia di immigrati.

(red.) Dopo un mese, quello di marzo, in cui la mobilitazione antisfratto ha segnato diversi episodi e portato ad una nuova discussione del problema in Prefettura a Brescia, con la conquista di passaggi da casa a casa per alcune difficili situazioni, tornano i picchetti.
Martedì mattina una muraglia umana, composta da  oltre 40 attivisti dell’Associazione Diritti per tutti e del Comitato  provinciale contro gli sfratti, ha bloccato il terzo accesso  dell’ufficiale giudiziario a Comezzano di Cizzago, paese di 3700 abitanti della bassa occidentale, governato, viene sottolineato in una nota di radio onda d’urto, “da un’amministrazione di  Pdl-Lega che non offre soluzioni alternative alla famiglia sotto sfratto: una famiglia composta da un immigrato – con due figli  di 3  anni e mezzo e 2 anni, in Italia dal 1989, prima operaio e in seguito carpentiere fino al 2011, quando anche nel “triangolo bresciano dell’edilizia” si è abbattuta la crisi, mietendo migliaia di  posti di lavoro”. La ditta del capofamiglia è fallita senza che gli venissero pagati gli ultimi stipendi.
Lo sfratto è stato bloccato e rinviato al 21 maggio prossimo. Mercoledì è programmato un picchetto a Brescia, in via Privata De  Vitalis nr 5, traversa di Via Sardegna, “per difendere”, viene spiegato, “una famiglia con  tre bambini di 11, 6 e 4 anni. Il Comune è disponibile a prorogare il  piano di contenimento sfratti garantendo il pagamento di altri 6 mesi di  affitto ma il proprietario non ne vuole sapere”. L’appuntamento è fissato alle 8. La mobilitazione di questi giorni  intende anche rilanciare gli obiettivi della campagna “Stop agli  sfratti”: moratoria immediata degli sfratti per morosità incolpevole;  realizzazione di un centro di emergenza abitativa nei prefabbricati dove  alloggiavano gli operai della metropolitana a S Polo; occupy sfitto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.