Desenzano, la “Dolce Vita” chiude già i battenti

Aperto il 22 marzo, un’ordinanza comunale ha disposto l’immediata chiusura del locale. Contestata l’attività di discoteca e musica live svolta senza titolo abilitativo.

(red.) La “Dolce Vita” è finita. Non quella cantata e resa celebre dalla pellicola di Fellini, ormai entrata di diritto nella storia cinematografica, e non solo, del Bel Paese. Ciò di cui stiamo parlando è il nuovo locale aperto da Puccio Gallo nell’antica “Corte Marchetto”, che sorge all’interno di un vasto complesso a lato della tangenziale. Vicino allo svincolo per Centenaro, nel bresciano.
Il locale, aperto il 22 marzo, è già chiuso. “Affossato” da un’ordinanza dello Sportello unico per le attività produttive del Comune basata su un verbale della Polizia municipale e indirizzata al titolare dell’Azienda agrituristica San Lorenzo.
Alla base della questione la natura agricola degli immobili, che consente lo svolgimento di attività agrituristiche. Stando all’ordinanza, invece, nel locale è stato accertato lo svolgimento di attività di discoteca. Non solo, la musica sarebbe stata anche diffusa in diretta radiofonica da una stazione locale. Dal verbale sono inoltre emerse tre criticità dal punto di vista viabilistico che hanno interessato le strade d’accesso alla località, con ripercussioni sulla tangenziale.
L’ordinanza ha constatato che l’attività di discoteca e musica live risultava essere svolta in assenza di uno specifico titolo abilitativo. Proprio questa constatazione ha fatto scattare l’ordinanza di immediata cessazione di un’attività che non sarebbe stata indicata nella dichiarazione d’avvio dell’attività.
Come ha confermato Puccio Gallo, patron dell’iniziativa, il locale è già stato chiuso. Gallo non ha mai pensato di aprire una discoteca perché, a suo dire, quell’epoca si è ormai conclusa. Il progetto prevedeva l’apertura, solo il venerdì, di un ristorante con piatti che valorizzassero i prodotti tipici locali in un’atmosfera ovattata da accompagnamenti musicali. Durante la prima serata, coma ha confermato Gallo, il locale ha fatto registrare il tutto esaurito, offrendo una cena con intrattenimento. Ma all’interno della struttura la pista da ballo non c’è.
Sull apagian Facebook dedicata al locale è stato pubblicato un avviso in cui si comunica che “per problemi burocratici (permessi e licenze) la “Dolce Vita” non potrà essere al Borgo Marchetto per i prossimi venerdì. Stiamo individuando un’altra location di uguale prestigio. Vi assicuriamo che la “Dolce Vita” continua…”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.