Staminali, sì alle cure a Brescia per Desireè

La bimba di tre anni della val di Non affetta da atrofia muscolare spinale (Sma) potrà sottoporsi al Civile al trattamento con Stamina Fundation.

(red.) Il Tribunale di Trento ha dato il via libera alle cure con le cellule staminali per la piccola Desireè, la bimba di tre anni della val di Non affetta da atrofia muscolare spinale (Sma).
La decisione è stata presa venerdì pomeriggio dal giudice Giorgio Flaim che ha ordinato agli Ospedali Riuniti di Brescia di sottoporre la bimba al protocollo Stamina, la terapia che prevede la trasfusione di cellule staminali prelevate dalla madre e trattate in laboratorio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.