Quantcast

Pontoglio, anziana uccisa dal monossido

La 77enne Angelina Bertoli, che viveva in cascina, è stata trovata senza vita dal figlio lunedì mattina. In camera da letto una stufetta accesa per allontanare gli insetti.

(red.) Monossido killer a Pontoglio, nel Bresciano. Vittima del gas che, silenzioso ed insidioso, ha  saturato la stanza in cui dormiva, una 77enne.
Angelina Bertoli è stata trovata priva di vita, lunedì mattinaattorno alle 6,30, dal figlio. L’anziana, che abitava in una cascina Lepre di via Monte Adamello, si era coricata accendendo vicino al letto il dispositivo per proteggersi dagli insetti.
Nella notte, forse per un corto circuito, la stufetta ha preso fuoco sviluppando un mix di fumo e gas fatali. Sarebbe stato quindi il monossido sprigionato dalla stufa ad uccidere nel sonno la donna. Il dispositivo è stato posto sotto sequestro.
Sul posto, per i rilievi i carabinieri, i vigili del fuoco e il personale medico che però non ha potuto fare nulla per l’anziana signora.
I funerali di Angelina Bertoli, che lascia il marito 81enne Dino Gozzini ed i due figli Ettore e Giacomo, sono fissati per mercoledì, con partenza dalla cascina alle 14,30. Questo martedì sera, invece, la veglia funebre alle 18.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.