Quantcast

Fortaleza, Tosoni in fuga con la fidanzata

Secondo la polizia brasiliana, il 28enne di Montichiari, presunto mandante del duplice omicidio di due uomini, sarebbe ancora nel Paese carioca

(red.) Continua la caccia a Massimiliano Tosoni, il 28enne di Montichiari (Brescia), accustao di essere il mandante de duplice omicidio avvenuto in un residence a Fortaleza, in Brasile. Le vittime sono  Andrea Macchelli, 48enne modenese,immobiliarista, e il consulente brasiliano, Hedley Lincoln Dos Santos Farias,25 anni.
Secondo quanto si apprende, il 28enne bresciano sarebbe in fuga con la fidanzata e con uno dei minorenni ingaggiati per la truffa poi degenerata.
Tosoni, un curriculum criminale da rapinatore, evaso dai domiciliari nel 2009, avrebbe concordato con l’altro italiano un cambio di valuta, 20mial euro (che sarebbero poi risultati falsi) con 44mila reais (valuta locale). Al momento dello scambio, però, qualcosa è andato storto e  Macchelli ed il giovane brasiliano che era con lui per aiutarlo nelle operazioni di cambio valuta, sono stati immobilizzati e quindi sgozzati. Una violenza ed una brutalità che hanno fatto sorgere sospetti sul movente. Perché uccidere i due quando la rapina poteva comunque andare a buon fine senza spargimento di sangue?
Con Tosoni c’erano tre minorenni brasiliani. Due di questi sono stati catturati dalla polizia durante la rocambolesca fuga a bordo di un’auto rubata guidata dallo stesso Tosoni, mentre il terzo ragazzino sarebbe ancora con il bresciano.
Sebbene Tosoni avesse acquistato due biglietti aerei per l’Italia, gli investigatori ritengono si trattasse di un espediente per confondere le tracce e i tre fuggiaschi (il bresciano, la sua ragazza ed il minorenne) sarebbero invece ancora nel Paese carioca.
Intanto i familiari di Macchelli, padre di un ragazzo di 17 anni, sono partiti alla volta del Brasile, per il funerale e per la sepoltura del corpo del 48enne.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.