Brescia, fermata banda di topi d’appartamento

I carabinieri hanno intercettato la banda durante la 'visita' in una casa di Barbariga. Uno è stato arrestato dopo un inseguimento rocambolesco. Recuperati 10mila euro.

(red.) Un bottino da 10mila euro è stato recuperato dai carabinieri nella bassa bresciana.
La refurtiva era nascosta nella casa di un albanese, membro di una squadra di topi di appartamento. Le prodezze dei quattro malviventi, però, sono state interrotte nella notte tra lunedì 28 e martedì 29 gennaio, a Barbariga, nel bresciano, dove il padrone di una delle case visitate si è accorto per tempo della presenza degli ospiti e ha avvisato i carabinieri. Gli agenti sono risaliti ai malviventi grazie alla targa del mezzo su cui viaggiavano (un’Audi 5 rubata). L’inseguimento è durato fino alle 2,30, quando la macchina dei furfanti è finita in un fosso. All’interno, un kit completo di strumenti da scasso.
Tre sono riusciti a fuggire: hanno rubato un’auto a Pompiano, lasciando perdere le loro tracce. Uno, invece, di origine albenese, è finito in manette. Nella sua casa, a Romano di Lombardia, trovati 10mila euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.