Quantcast

Gavardo, rapinatore tradito dalla tuta sportiva

In manette il bandito che, lo scorso 27 dicembre, aveva rapinato una donna al bancomat. E' stato identificato grazie alle bande fluorescenti dell'abbigliamento.

(red.) Le bande fluorescenti della tuta sportiva che indossava al momento della rapina lo hanno tradito. E’ così un ghanese 29enne è stato riconosciuto, grazie all’abbigliemento utilizzato la sera del colpo ai danni di una 50enne che stava prelevando 250 dal bancomat.
L’uomo, il 27 dicembre, aveva minacciato la signora con una pistola e quindi si era allontanato a piedi. A riprendere la scena le telecamere di sicurezza della Banca Valsabbina in piazza Donatori del sangue a Gavardo, nel bresciano.
Grazie alle immagini della videosorveglianza i carabinieri avevano concentrato le ricerche su uomini di colore con tuta e giubbotto da ginnastica. E il bandito, vestito allo stesso modo, è tornato “sul luogo del delitto” , domenica sera. In tasca aveva la pistola giocattolo. Forse stava preparandosi per un’altra rapina. Ma non ha fatto in tempo perchè è stato fermato ed arrestato, ammettendo le proprie responsabilità. In casa i militari hanno trovato la scatola dell’arma finta.
Il giudice ha convalidato l’arresto e lo ha rimesso in libertà in attesa del processo.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.