Quantcast

Il furto di acciaio? Un affare di famiglia

In manette per avere rubato due camion con 150 tonnellate di acciaio zincato, padre, figlia e compagno della donna, tutti di Torbole Casaglia.

Più informazioni su

(red.) Il furto di acciaio? E’ un affare di famiglia. Almeno, così è per le tre persone, padre, figlia e fidanzato della donna, arrestate dai carabinieri di Travagliato (Brescia) per la sottrazione di due camion carichi di acciaio zincato, avvenuta notte tra il 25 e il 26 gennaio a Casalmaggiore, nel Cremonese.
Il padre, un 56enne, è titolare di una ditta di autotrasporti di Torbole, la figlia ha 30 anni, il compagno ne ha 38.
Attraverso il segnale Gps dei due mezzi pesanti, dotati di un doppio sistema antifurto, i militari sono arrivati alla famigliola di “Arsenio Lupin”: uno dei camion rubati risultava infatti parcheggiato nel piazzale diTorbole Casaglia.
Non solo, i tre bresciani sono stati fermati proprio mentre stavano scaricando le 150 tonnellate d’acciaio della “Storti trasporti pesanti”, per un valore che oscilla tra i 70 e i 90mila euro.
I tre bresciani sono indagati per ricettazione, in attesa del processo.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.