Gardone Valtrompia, allarme polizze false

In un anno il numero di automobilisti con assicurazioni contraffatte è raddoppiato. Infrazioni anche per l’eccesso di velocità e l’uso del cellulare alla guida.

(red.) A Gardone Valtrompia (Brescia) è boom di assicurazioni contraffatte, ma anche abbondantemente scadute.
Nell’ultimo anno, infatti, il numero di automobilisti “pizzicati” dalla Polizia municipale con un contrassegno falsificato è praticamente raddoppiato, passano da 35 a 70. In un anno, come spiega il comandante del nucleo di Polizia gardonese, queste gravi infrazioni sono state riscontrate moltissime volte, rivelando l’esistenza di un vero e proprio mercato delle assicurazioni. Con 150 euro è possibile procurarsi un contrassegno annuale corredato da tutti i documenti che lo accompagnano, anche questi tutti rigorosamente falsi. Gli automobilisti interessati da questo fenomeno hanno un’età compresa fra i trenta e i sessant’anni e sono indifferentemente italiani e stranieri.
Preoccupato da questa situazione è anche il sindaco del centro bresciano, Michele Gussago. Per combattere il fenomeno, il primo cittadino ha chiesto a chi fosse coinvolto in un sinistro di chiamare immediatamente le propria assicurazione per verificare i dati dell’altra polizza. Inoltre, ha invitato quanti circolano con un’assicurazione falsa o scaduta a stare a casa, in quanto rappresentano un grave pericolo per sé e per gli altri.
Nella lotta al fenomeno la Polizia locale ha scoperto anche assicurazioni, ma apure patenti false e sequestrato  veicoli che potranno essere recuperati solo dopo il pagamento di una multa di 841 euro e di altri 200 euro per costi di deposito.
Quello delle polizze false o scadute non sembra però essere l’unico problema. Infatti, durante lo scorso anno sono stati emessi ben 7.823 verbali per eccesso di velocità rilevata dall’unico autovelox attivo sul territorio comunale, mentre 1.882 sono stati i verbali per divieto di sosta, guida senza cinture, utilizzo improprio delle aree sosta riservate agli invalidi, utilizzo del cellulare alla guida e altro ancora.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.