Quantcast

Desenzano, chiuso locale troppo rumoroso

La disposizione voluta dal questore di Brescia è stata eseguita nella mattinata del 20 dicembre. Si tratta di Teatro Alberti, in via Santa Maria, che resterà fermo per 15 giorni.

(red.) Sigilli al locale notturno Teatro Alberti di Desenzano, in via Santa Maria.
Lo ha deciso il Questore di Brescia Lucio Carluccio. La disposizione è stata eseguita da personale della Divisione P.A.S.I. nella mattinata di giovedì 20 dicembre nel comune del bresciano. Un provvedimento che scaturisce dai controlli eseguiti presso la struttura sia dai Carabinieri che dalla Polizia Locale di Desenzano immediatamente attivati a seguito delle numerose segnalazioni giunte alle forze di polizia da parte dei residenti che lamentavano, in orario notturno, volume della musica troppo elevato, oltre che disordini in strada e malori di giovani avventori.
Sarebbero stati molti gli episodi di disturbo alla quiete pubblica ma anche di vandalismo accertati nell’ultimo periodo, imputabili anche alla mancata adozione da parte dell’attuale gestore del locale di idonee azioni dissuasive nei confronti dei numerosi avventori, come previsto dalla normativa vigente. A titolo esemplificativo si segnalano le risse verificate nelle ultime settimane, provocate dai clienti del locale, in molti casi di etnia rom.
In particolare, in una circostanza, un giovane ha riportato ferite gravi tanto da dover essere ricoverato con prognosi riservata presso gli Spedali Civili di Brescia. Inoltre, alla base del provvedimento ci sono anche le riscontrate violazioni da parte della Polizia Locale quali la precarietà dell’area adibita a spettacolo, la mancata illuminazione delle segnalazioni relative alle uscite di emergenza e la mancata emissione degli scontrini fiscali.
Alla luce di tutto ciò e considerata inoltre la presenza abituale presso la struttura di soggetti con precedenti di polizia, il Questore ha disposto la chiusura per un periodo di 15 giorni a decorrere dalle 00.00 del 21 dicembre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.