Quantcast

Aci ancora nel limbo, decisione rinviata al 25

Il Consiglio ristretto di Roma ha passato la palla a quello generale che si riunisce alla fine del mese. L'ente rimane dunque ancora commissariato.

(red.) Bisogna attendere fino al 25 settembre per conoscere le decisioni sulla vicenda Aci Brescia.
Giovedì il Comitato ristretto Aci riunito a Roma ha deciso un nuovo rinvio, dichiarandosi incompetente a deliberare sul commissariamento dell’ente. A decidere sarà dunque il Consiglio generale che si riunisce appunto alla fine del mese.
Resta dunque sospesa la sorte dell’Automobil Club di Brescia per il quale anche lo stesso tribunale amministrativo, lo scorso 4 settembre, esaminando il ricorso presentato dall’ex consiglio direttivo guidato da Aldo Bonomi, ha stabilito che sia il ministero del Turismo ad esprimersi entro il 30 di questo mese, decisione che è però subordinata alla deliberazione dell’ente centrale.
Nel caso in cui la sede centrale dell’Aci non risolvesse la querelle, i giudici di via Zima hanno già disposto che sia la camera di Consiglio a farlo, nel vertice fissato per il 10 ottobre “fissando la trattazione di merito del ricorso presentato dal consiglio uscente il prossimo 30 gennaio 2013”.
E mentre tutto resta nel limbo, non si ferma invece la macchina per la preparazione della prossima Mille Miglia, fissata per il 16 maggio.
Mille Miglia Srl, la società che organizza l’evento, sta predisponendo i primi passi, tra cui anche una nuova veste al sito della “corsa più bella del mondo”, come la definì Enzo Ferrari.
Più critica invece la situazione della Malegno-Borno, competizione sportiva inserita nel Trofeo di Vallecamonica, ufficialmente, per ora, sospesa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.