Quantcast

Sebino, trovato il cadavere di un uomo

La vittima, Roberto Poli, 51 anni, residente a Marone. Appoggiata alla balaustra del lungolago, la sua bicicletta. All'origine dell'incidente, forse un malore.


(red.) Ennesima tragedia dei laghi.
Il Sebino ha restituito, nella mattinata di domenica 26 agosto, il corpo di Roberto Poli, 51 anni. La tragica scoperta, a Marone, dove Poli risiedeva, in via De Gasperi.
L’ipotesi più accreditata è che l’uomo, dopo essersi sporto dalla balaustra del lungolago, abbia perso l’equilibrio oppure sia stato colto da malore e sia così precipitato, facendo un volo di cinque metri. Dopo aver battuto la testa sul cemento, sarebbe finito in acqua, nel punto in cui è stato rinvenuto, verso le 8,30 e recuperato dai vigili del fuoco di Sale Marasino. La salma è stata tarsferita alla camera mortuaria dell’ospedale di Iseo.
Appoggiata alla ringhiera, a pochi metri di distanza dal luogo della tragedia, è stata ritrovata  la bicicletta della vittima. Nessun testimone dell’incidente, anche se alcuni residenti avrebbero visto Poli dopo l’1 di notte.
Per risalire alla causa e all’ora del decesso sarà probabilmente predisposta l’autopsia.

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.