Quantcast

L’ultimo regalo di Giuditta, donati gli organi

La 43enne era deceduta lo scorso 21 marzo a seguito di un tragico incidente sulla Sp20. Il suo cuore, il fegato ed i reni trapiantati a quattro pazienti in lista d'attesa.

(red.) Sono “occhi di speranza” quelli che i famigliari di Giuditta Vozzolo, la 43enne di Roccafranca morta in un tragico incidente avvenuto lo scorso 21 marzo sulla Sp20 a Comezzano-Cizzago (Brescia), hanno voluto donare ad altre persone che ora, grazie agli organi della sfortunata donna, potranno tornare a sorridere.
Giuditta, di origini etiopi, madre di quattro figli, Sheila, Ismaele, Samuel e Dennis, rivivrà nelle vite dei pazienti in lista d’attesa per un trapianto di cuore, fegato e reni.
Un ultimo, estremo, gesto d’amore che trasfigura la tragedia rendendola, se non accettabile, forse meno dolorosa perché aperta alla speranza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.