Quantcast

Lonato in preghiera per il suo “don rock”

Luca Nicocelli, 42enne parroco di Centenaro, è stato colpito da emorragia cerebrale. Rinvenuto esanime in chiesa, è ora ricoverato al Civile in gravi condizioni.

Più informazioni su

(red.) E’ un paese in preghiera Centenaro di Lonato (Brescia), stretto attorno al capezzale del proprio parroco, don  Luca Nicocelli, 42 anni, noto con il soprannome di  “parroco rock”, colpito da emorragia cerebrale.
Il sacerdote è stato rinvenuto esanime, a terra, domenica mattina in chiesa. Il prete indossava ancora i paramenti scari utilizzati per la messa prefestiva della sera prima. Non si conosce dunque quanto tempo sia trascorso dal malore all’arrivo dei soccorsi. A dare l’allarme alcuni parrocchiani che non avevano visto il loro parroco nella frazione di Castelvenzago dove avrebbe dovuto celebrare il rito sacro domenicale.
Il giovane sacerdote è stato prima portato a Desenzano, poi, vista la gravità delle sue condizioni, trasferito al Civile di Brescia dove si trova ricoverato nel reparto di Rianimazione. La prognosi è riservata.
Il giorno prima don Luca aveva accennato da un malessere ed aveva quindi disdetto un appuntamento con un gruppo parrocchiale che si occupa di animazione musicale.
Con il progetto “Noi Musica” don Luca era diventato celebre con il soprannome di “parroco rock”. L’iniziativa creata dal sacerdote lonatese è rivolta ai giovani e punta, attraverso la musica, a fornire obiettivi che inducano i ragazzi a tenersi lontani dalle tentazioni della strada e dalle cattive compagnie e ad incanalare talenti ed energie nella passione per le note musicali.
Numerosi gli incontri musicali, concorsi canori e per band rock, corsi di dj, serate musicali, trasferte per assistere ai concerti realizzate negli ultimi anni da don Luca.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.