Quantcast

Candeggina invece di acqua? Giallo alle Poste

Una dipendente del centro meccanizzato di via Dalmazia sarebbe rimasta intossicata dopo avere bevuto da una bottiglia prelevata da un distributre automatico.

(red.) Giallo al centro meccanizzato delle Poste di via Dalmazia a Brescia. Una dipendente sarebbe rimasta intossicata dopo avere ingerito dell’acqua di una bottiglietta prelevata da un distributore automatico presente all’interno dello stabilimento di Poste Italiane.
La donna si è sentita male dopo i primi sorsi. Da quanto si è appreso il liquido avrebbe emanato un odore simile a quello della candeggina.
La dipendente delle Poste, 48 anni, è stata soccorsa e ricoverata alla Poliambulanza per accertamenti, mentre in via Dalmazia si è recata una Volante della questura di Brescia. dai primi accertamenti è emerso che accanto al distributore delle bibite da cui la bottiglia era stata prelevata si trovava un carrello per le pulizie contenente anche un flacone di candeggina.
L’ipotesi degli inquirenti è che si sia verificato un passaggio “più o meno accidentale” della sosatnza urticante da un contenitore all´altro.
Questo sarebbe avvalorato anche dalle condizioni di salute della donna intossicata che, secondo quanto emerso,  soffrirebbe da tempo di disturbi depressivi.
La bottiglietta incriminata è stata posta sotto sequestro per avviare le indagini del caso. La signora non avrebbe riportato gravi conseguenze.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.