Quantcast

32enne muore, donati organi a 6 persone

La giovane è deceduta giovedì a Brescia a causa di un'emorragia cerebrale. Grazie alla donazione degli organi, trapianto di fegato anche su un bimbo di 6 mesi.

Più informazioni su

(red.) E’ stato possibile salvare in tutto sei persone con gli organi donati da una ragazza di 32 anni morta giovedì a Brescia a causa di un’emorragia cerebrale.
Con una staffetta di equipe mediche nella notte dell’epifania gli organi della giovane (reni; polmoni; cuore e fegato) sono stati impiantati in sei malati, e fra questi anche in un bambino di soli sei mesi di Novara che all’ospedale Le Molinette di Torino ha ricevuto il fegato con un intervento realizzato dall’equipe del professor Mauro Salizzoni.
Il bimbo è non è più in pericolo di vita e senza il dono dell’organo avrebbe rischiato di morire in pochi giorni essendo affetto da un’atresia delle vie biliari che non permetteva appunto il funzionamento del suo fegato. Il bambino ha ricevuto un piccolo pezzo del fegato della ragazza che è stato diviso con una tecnica operatoria che permette di utilizzarne un’altra parte per un altro paziente a Milano. Altri due malati hanno ricevuto i polmoni, un altro ancora il cuore e due i reni, operati, questi ultimi, a Brescia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.