Boario, caccia al ladro finito nella “rete”

Il proprietario della Tecnoffice sas, negozio derubato la notte del 30 dicembre, ha pubblicato su YouTube il video che riprende uno dei malviventi.

Più informazioni su

(red.) Immortalata dalle telecamere di sicurezza del negozio l’incursione notturna di un ladro è stata poi pubblicata su YouTube e Facebook.
Il proprietario della Tecnoffice sas di Boario Terme, derubato da ignoti (ancora per il momento) malviventi nella notte tra il 30 e il 31 dicembre scorso, ha deciso di rendere pubblico l’ingente furto subito, circa 12mila euro fra tablet, hard disk, notebook, lettori Mp3 e tre pc lasciati in riparazione, mettendo in rete il video che immortala l’azione dei ladri (video furto).
Nelle immagini si vede uno dei personaggi che, sbucato dal retrobottega, fruga nei cassetti, svuota la cassa e ripulisce lo scaffale del bancone.
Le immagini sono molto nitide, ad alta risoluzione anche grazie alla presenza di una luce al neon rimasta accesa nel negozio. Il volto del malvivente si vede con chiarezza e questo elemento sarà certamente utile ai carabinieri di Darfo Boario terme cui il titolare del locale, Giovanni Massoli, le ha consegnate dopo avere sporto denuncia.
“Nella notte tra il 30 e il 31”, scrive Massoli, “un simpatico Babbo Natale ha pensato bene di farci visita in negozio solo che invece di lasciare doni, ha portato via parecchia roba. Pubblico un video dove si vede abbastanza bene l’individuo che fa un prelevamento. A chiunque lo riconosca o abbia la minima idea di chi possa essere chiedo di farcelo sapere. Grazie e Buon Anno”.
Intanto il video impazza nel web e ha ottenuto anche la ribalta di alcuni network di informazione nazionali.
Due anni fa, sempre nel Bresciano, il titolare di “Autobaselli” di Quinzano, derubato nella propria abitazione da una banda di quattro elementi, pubblicò sul web la clip dei ladri. Il video (furto Quinzano) fu cliccato da oltre 300 mila persone in tre giorni.
Nel filmato, girato da una telecamera fissa, si vedeva chiaramente il volto di uno dei banditi che, improvvisamente, si gira verso il dispositivo di ripresa. Vennero portati via contanti, oggetti preziosi e gioielli, ma dei responsabili, nonostante le immagini, nessuna traccia.
Giovanni Baselli, nell’ottobre dello scorso anno, pubblicò su internet un altro video nel quale venivano ripresi i responsabili della rapina messa a segno nella concessionaria un mese prima (video bandito con auto). La coppia, spacciandosi per clienti, aveva portato via un´Audi dopo avere spintonato un dipendente. In quel caso il video è servito ad identificare i banditi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.