Halloween violento, 4 in manette per rissa

E' successo alla stazione di Rovato. Arrestati 4 giovani, tutti con precedenti. E a Gussago una mamma ha trovato antibiotici mischiati alle caramelle regalate ai suoi figli.

Più informazioni su

(red.) Altro che “scherzetto o dolcetto”. Mentre i bambini giravano di casa in casa a chiedere qualche leccornia durante la notte di Halloween, i ragazzi più grandi hanno trovato altre modalità per divertirsi, in qualche caso eccedendo.
Così è avvenuto alla stazione di Rovato, nel Bresciano, dove un gruppo di giovani, dopo una serata passata in discoteca e nei locali, ha ingaggiato una rissa. Sul posto, erano le 7,30 di martedì, sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Chiari, che hanno sedato la violenta lite, a suon di calci e pugni.
Un militare, che stava tentando di calmare gli animi, è stato colpito allo stomaco, riportando una ferita giudicata guaribile in cinque giorni.
Non si conoscono le cause all’origine della zuffa, probabilmente scaturita per futili motivi, ma per i quattro sono scattate le manette. Devono rispondere di rissa e resistenza a pubblico ufficiale.
Nei guai sono finiti R.C. 19enne di Rapallo, F.M. 18enne di Genova (ferito al volto, ha rimediato una prognosi di 12 giorni), A.B. 23enne, di Trescore Cremasco (anche per lui 12 giorni per una ferita lacerocontusa al volto) e, infine, un 30enne di Monza, E.G. (tre giorni di prognosi per un calcio al ginocchio). Tutti e quattro gli arrestati risultano essere noti alle forze dell’ordine.
Sempre nella “Notte delle streghe” un’altra segnalazione, di tipo diverso, è giunta alle forze dell’ordine: una mamma di Gussago, nel controllare i dolci regalati ai suoi figli, ha trovato alcuni antibiotici mischiati alle caramelle.
Invece dei dolciumi (intenzionalmente o un errore?) qualcuno ha messo nei sacchetti dei bambini dei medicinali, per la precisione amoxicillina con acido clavulanico, farmaco usato curare molte infezioni che colpiscono l’orecchio, la gola, le vie respiratorie inferiori, la cute, infiammazioni dentali, e l’apparato urinario.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.