Quantcast

Tabaccaio coraggioso picchia il rapinatore

L'uomo, 70 anni, non ha esitato a prendere a pugni un malvivente che però è riuscito a scappare con i soldi contenuti nella cassa. Indagano i carabinieri.

Più informazioni su

(red.) Non ha avuto un attimo di esitazione e nonostante i 70 anni ha preso a pugni un malvivente armato di coltello che lo voleva rapinare. Lo ha messo in fuga, ma non è riuscito a impedirgli di scappare con il bottino: tre o quattrocento euro.
Protagonista della vicenda è un tabaccaio di via Valcamonica 45/A, Luciano Vanaglio, che alle 19.30 di venerdì, all’orario di chiusura, ha chiamato i carabinieri e ha raccontato l’accaduto, mostrando un cappellino, un coltello e una scarpa, persi dal rapinatore, descritto come un trentenne italiano, durante la colluttazione.
E in effetti poco prima, mentre Vanaglio stava contando i soldi del cassetto, era entrato un giovane che lo aveva minacciato, chiedendolgli il denaro. Il bandito si era avvicinato alla cassa, aveva preso i soldi e si era diretto verso l’uscita. Ma il tabaccaio, che aveva già subito tre rapine, gli era corso dietro, dandogli un paio di pugni, che però non sono bastati a fermarlo.
Gli uomini dell’Arma indagano per trovarlo e hanno già analizzato i filmati della telecamera a circuito chiuso e di quelle che riprendono via Vallecamonica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.