Muore dopo la caduta nel bosco

La vittima è Dante Tinti, 84 anni, residente a Caionvico. Il pensionato si era ferito in Val Daone lo scorso 30 settembre mentre cercava funghi.

Più informazioni su

 

(red.) Non ce l’ha fatta a sopravvivere alle ferite riportate nella caduta nel bosco ed è spirato l’altra notte, a qualche giorno dal ricovero all’ospedale Santa Chiara di Trento.
La vittima dell’incidente in montagna è l’84enne Dante Tinti, residente con la moglie Rosa a Caionvico (Brescia), in via S. Orsola.
Il pensionato, lo scorso 30 settembre, era uscito per una gita nei boschi del Trentino alla ricerca di funghi. Ma durante la passeggiata la tragica caduta in un canalone nei pressi della diga di Malga Boazzo, a circa 1.200 metri di quota, in Val Daone.
Soccorso con l’elicottero e trasferito nel socomio trentino, l’anziano non si è più ripreso, fino al drammatico epilogo. Tinti, originario di Capriano del Colle, ha lavorato alla carrozzeria Cremona. I funerali sono fissati  a Caionvico, per venerdì alle 15,30 nella parrocchia Padre Kolbe.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.