Quantcast

La perseguita e le brucia l’auto, denunciato

Un 47enne bresciano non si rassegnava alla fine della storia d'amore con una 40enne. Oltre alle minacce e alle telefonate è arrivato ad incendiarle la macchina.

(red.) Una persecuzione incessante e violenta quella messa in atto da un 47enne bresciano nei confronti dell’ex fidanzata 40enne, sfociata addirittura, secondo quanto emerso dalle indagini della questura di Brescia, nell’incendio dell’auto della donna.
L’uomo è stato denunciato per stalking e detenzione abusiva di armi. Secondo gli inquirenti, il 47enne avrebbe messo in atto una serie di comportamenti vessatori fatti di telefonate continue e ad ogni ora del giorno e della notte, minacce, appostamenti e, infine, il gesto più eclatante: quello di dare alle fiamme l’auto dell’ex fidanzata, una Polo. L’incendio della macchina ha danneggiato anche un’altra vettura che era parcheggiata accanto.
I fatti risalgono al 27 agosto quando i vigili del fuoco dovettero intervenire per spegnere il rogo di una vettura in sosta in via Metastasio. La natura dolosa dell’incendio apparve subito evidente e fu così possibile, anche tramite il rinvenimento di alcuni bigliettini offensivi indirizzati alla 40enne risalire al presunto autore del gesto.
L’uomo non accettava la fine del rapporto amoroso, una relazione che aveva avuto diverse fasi altalenanti, ma il 47enne non si rassegnava ad aver perso l’oggetto del suo amore, o forse, è meglio dire della sua ossessione.
Gli inquirenti hanno poi appurato che lo stalker era in possesso di una licenza per il possesso di armi e, durante la perquisizione in casa, gli agenti di polizia hanno infatti rinvenuto tre carabine regolarmente denunciate e un fucile a canne mozze, invece, illegalmente detenuto, più una serie di munizioni.
Sull’arma illegalmente detenuta sono ora in corso alcune perizie per verificare se sia mai stata utilizzata.
L’uomo è stato anche denunciato per omessa denuncia di materiale esplodente e per detenzione del fucile a canne mozze.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.