Coronavirus e crisi, nuovi buoni spesa dal Governo. 7,3 milioni al bresciano

In media ogni famiglia che richiederà l'aiuto incasserà dai 300 ai 500 euro. Come la scorsa primavera.

(red.) Ci si sta avvicinando al periodo natalizio e, aldilà delle restrizioni e misure di contenimento che verranno poste dal Governo centrale, molte famiglie sono chiamate a far fronte alla spesa in un periodo complicato a livello economico. Per questo motivo, esattamente come era accaduto la scorsa primavera in occasione della prima ondata della pandemia da Covid-19, i Comuni incasseranno risorse per attivare buoni spesa a favore dei propri cittadini.

Si tratta di una misura presente nel decreto Ristori ter e con cui tutti i Comuni italiani incasseranno fino a 400 milioni di euro. In particolare, saranno 7,3 milioni destinati al bresciano. Rispetto alla prima volta, non cambieranno le cifre e nemmeno i parametri, di cui l’80% delle risorse in base alla popolazione e il 20% basato sulla differenza tra il reddito pro capite di ogni Comune e il valore medio nazionale.

Ogni famiglia che ne avesse bisogno e farà richiesta incasserà dai 300 ai 500 euro in media per i buoni spesa. In concreto, dovrebbero essere disponibili a partire da metà dicembre e gli interessati dovranno rivolgersi ai Servizi sociali del proprio Comune che attiveranno i gruppi di Protezione Civile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.