Quantcast

Disoccupazione, falciati 870 posti in novembre

I dati sono riportati dalla Cgil Lombardia sulla base dei numeri di mobilità ed indennità di disoccupazione. In regione "bruciati" 57.023 posti di lavoro in 11 mesi.

(red.) La scure dei licenziamenti si abbatte senza pietà anche sul Bresciano, dove, ogni mese, perdono il posto di lavoro 870 persone.
I dati sono riportati dalla Cgil Lombardia. A novembre il numero dei licenziamenti è incrementato, portando la quota di chi resta senza attività lavorativa a 950. Sono 6882, in Regione Lombardia, i nuovi disoccupati.
Da gennaio a novembre il numero dei licenziati ammonta a 57.023 (+26,27% rispetto agli stessi mesi del 2011).
In provincia di Brescia la media mensile è di 869, secondo quanto si ricava dai dati sulla mobilità e l´indennità di disoccupazione, forniti dalla sottocommissione regionale permanente mobiltà/ammortizzatori e rielaborati dalla Cgil regionale.
In Lombardia i licenziati con la legge 223/91 sono 2.557, con la legge 236/93 sono 4.320, i frontalieri sono 5, complessivamente sono 6.882. Tra gennaio e novembre sono stati 18.015 i lavoratori licenziati con la legge 223/91 (indennità di mobilità), con un aumento percentuale del 12,80% sugli stessi mesi del 2011, e in 38.846 i licenziati con la legge 236/93 (indennità di disoccupazione), con un aumento del 33,93%. I frontalieri sono 162, con un aumento del 102,50%.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.