Quantcast

Mac, sono state aperte le procedure di mobilità

Lo ha comunicato l'azienda ai sindacati nella mattinata di lunedì, senza attendere l'esito dell'assemblea dei lavoratori, che chiedono garanzie occupazionali.

(red.) Procedure di mobilità aperte per i lavoratori della Mac.
Lo ha comunicato l’azienda, nella mattinata di lunedì 3 dicembre alle Organizzazioni sindacali, “senza  attendere l’esito dell’assemblea sindacale convocata nelle stesse ore. Né tanto meno si è avuta una risposta”, si legge in una nota della Fiom Cgil Brescia, “alla richiesta di incontro per verificare il percorso nei dettagli e riaggiornare gli incontri dopo il giorno 10 dicembre, giorno nel quale, come apparso sui giornali, Iveco presenterà il nuovo piano industriale”.
Secondo il sindacato di via Folonari, dunque, “Mac e Iveco si assumono cosi la responsabilità di inasprire la situazione”. Intanto, comunque, sempre nella mattinata di lunedì, si è svolta l’assemblea dei lavoratori Mac, convocata per illustrare l’incontro che si è tenuto in Prefettura venerdì 30 novembre scorso. La Fiom ha illustrato il percorso, con ricorso agli ammortizzatori sociali, di cui il Prefetto ha verificato la possibile fattibilità, sentite sia l’Iveco che la Mac.
“I lavoratori”, prosegue la nota, “hanno giudicato positivo quel percorso, che ricalca in larga parte il precedente proposto ad ottobre, ma ancora una volta non ci sono le garanzie occupazionali con l’impegno da parte di Iveco e di Mac in merito agli 84 posti di lavoro degli attuali dipendenti Mac. Pertanto è stato ribadito alla Prefettura l’esito dell’assemblea e quelle che sono le richieste dei lavoratori e della Fiom”.
Per martedì mattina, alle 8,30,  è riconvocata l’assemblea dei lavoratori Mac per decidere come proseguire la vertenza dopo l’incontro in Prefettura e dopo l’apertura della procedura di mobilità da parte di Mac.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.