Quantcast

Caro-scuola, le famiglie usano i risparmi

Più di una famiglia Italiana su cinque dovrà attingere ai propri risparmi. L’importo medio preventivato èdi 548 euro. Il 47% farà ricorso ai libri usati per contenere i costi.

(red.) Più di una famiglia Italiana su cinque (il 28%) dovrà attingere ai propri risparmi  o ad aiuti esterni per fare fronte alle spese per la scuola dei figli  in vista del nuovo anno scolastico, ormai alle porte.
L’importo medio preventivato è pari a 548 euro.  Sale al 47% la quota di quanti faranno ricorso ai libri usati per contenere i costi.
A Brescia è aperto il meeting del libro usato, un’occasione per acquistare libri scolastici a prezzi ridotti.
E’ quanto emerge dall’analisi mensili dell’Osservatorio Findomestic sui consumi degli italiani.
Da 494 euro di spesa, per un figlio, a 642, nel caso in cui i figli siano due o più; in media, 548 euro, con un picco di 716 per chi ha figli che frequentano il liceo. Sono queste le cifre che saranno chiamate a spendere le famiglie italiane per sostenere gli acquisti di rito in vista del nuovo anno scolastico, ormai alle porte.
Il 57% degli intervistati che hanno figli, in particolare, ha la percezione che i costi per libri di testo, cancelleria e abbonamenti ai mezzi pubblici siano incrementati e il 28% dovrà attingere ai propri risparmi o ad aiuti esterni per far fronte alle spese scolastiche.
Non è un caso pertanto se sale al 47% la quota di quanti fanno ricorso ai libri usati, per contenere la voce di costo più rilevante, ovvero quella che per l’appunto fa riferimento ai volumi di testo. Una famiglia su due, in altre parole.
Sul fronte del grado di soddisfazione degli Italiani per la situazione complessiva del Paese, l’edizione di settembre dell’Osservatorio fotografa una situazione in linea con in mesi precedenti: il livello di soddisfazione nell’arco dei 30 giorni appena trascorsi, infatti, è pari a 3,3 punti (su una scala che va da 1 a 10 e che ha nel 7 la soglia positiva), contro il 3,2 di luglio, giugno e maggio.
La vera discontinuità si registra in materia di aspettativa di risparmio: ad agosto è salita al 17%, contro il 12,9 di luglio. Si tratta del valore più elevato in assoluto degli ultimi 12 mesi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.