Quantcast

Ondata di reati di phishing, il Codacons mette in guardia gli utenti

(red.) Codacons in una nota stampa mette in guardia gli utenti sul fatto che, abili delinquenti informatici, potrebbero svuotare il loro conto corrente presso istituti di credito.
La nuova truffa di phishing, dunque, mira a colpire gli utenti Poste, i quali ricevono una telefonata e magari una mail quasi “perfetta” in cui risulta il logo dell’istituto di credito ed in cui si chiede di fornire i propri dati personali, tra cui numero di carta di credito o password di accesso all’home banking per verifiche necessarie a seguito di disposizioni di pagamento non riconosciute (finte).

Una volta forniti i propri dati, i delinquenti rubano i denari presenti sul conto corrente della vittima.
Gli allarmi recenti preoccupano molto perché evidenziano la diffusione della problematica.
“Gli istituti di credito non richiedono mai dati personali, come la password del proprio home banking, ai propri utenti. Purtroppo i truffatori trovano sempre metodi artificiosi per ingannare le proprie vittime e bisogna prestare sempre molta attenzione” – afferma il Presidente del Codacons, Marco Maria Donzelli.
L’Associazione a tutela dei consumatori invita i consumatori che fossero stati coinvolti in questa truffa di contattare il numero telefonico 02/29419096 o di scrivere all’indirizzo mail info@codaconslombardia.it, al fine di ricevere la dovuta assistenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.