Permesso scaduto, corriere della droga albanese espulso

Aveva scontato una pena per 10 chili di eroina. Dopo la scarcerazione è stato accompagnato all'aeroporto di Orio.

(red.) Nel pomeriggio di martedì 7 luglio, un cittadino albanese domiciliato in provincia è stato espulso con accompagnamento alla frontiera di Bergamo Orio al Serio, a seguito dell’attività svolta dall’Ufficio Immigrazione della Questura di Brescia.
In particolare, nel settembre 2014, l’uomo fu arrestato in flagranza per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, poiché a bordo della propria autovettura furono trovati occultati 20 panetti di eroina per un peso complessivo di oltre 10 kg, e successivamente condannato dal Tribunale di Bergamo a 8 anni e 2 mesi di reclusione.
Alla luce di ciò, l’Ufficio Immigrazione della Questura di Brescia ha revocato la carta di soggiorno di cui lo stesso era titolare e, successivamente, ha dichiarato inammissibile una sua richiesta di aggiornamento del titolo di soggiorno presentata nel 2019.

Nel maggio 2020, dopo l’avvenuta scarcerazione per fine pena, l’Ufficio Immigrazione ha segnalato lo stato di clandestinità del soggetto al Prefetto di Brescia, che ha emesso un decreto di espulsione dal territorio nazionale.
Nella giornata di ieri, vista la riapertura delle frontiere albanesi, l’uomo è stato accompagnato dagli agenti della Questura alla frontiera di Bergamo per essere rimpatriato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.