Brescia, minacciato con un coltello consegna la cassa acustica

Un 18enne, rintracciato in casa dalla Polizia, arrestato. Sabato scorso una baby gang contro giovani in bici.

(red.) La zona delle periferie di Brescia tra San Polo e Sanpolino rischia di essere terreno sempre più favorito per i malviventi. Dopo l’episodio di sabato scorso 23 maggio, nel momento in cui alcuni ragazzini erano stati rapinati delle loro biciclette da una baby gang, poi rintracciata, nelle ore precedenti a venerdì 29 è andato in scena un nuovo episodio.

Un ragazzino di 15 anni si trovava nei giardini pubblici intorno alla torre Tintoretto quando si è sentito avvicinare da un altro quasi coetaneo, appena maggiorenne, che gli ha puntato una lama da 30 centimetri. L’aggressore, infatti, voleva la cassa acustica bluetooth che l’altro stava usando per ascoltare la musica attraverso il cellulare.

La vittima, impaurita, non ha potuto fare altro che consegnare il dispositivo del valore di 250 euro. Dopo quella situazione il minorenne, tramite i genitori, ha denunciato l’episodio alla Polizia Locale di Brescia che ha raggiunto l’abitazione del neo maggiorenne e dove c’erano la cassa e il coltello. E’ stato arrestato per rapina aggravata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.