Desenzano, vicina di casa sventa furto e fa arrestare ladri

Mercoledì una coppia di georgiani aveva appena depredato denaro e gioielli per 75 mila euro. Poi manette.

(red.) L’anziana vicina di casa, che tra l’altro aveva partecipato a una serie di incontri organizzati dalla Polizia per capire come comportarsi in caso di furti e truffe, è stata decisiva nello sventare un furto che stava avvenendo a pochi passi dalla sua abitazione. Succede a Desenzano del Garda, nel bresciano, dove mercoledì 12 febbraio due cittadini georgiani sono stati colti in flagrante mentre stavano compiendo un colpo in un appartamento. E prima ancora di arrivare sul Garda erano partiti da Napoli.

Il giorno del furto i proprietari di casa erano in vacanza e probabilmente lo sapeva anche l’anziana vicina. Per questo motivo la 73enne, nel momento in cui a pochi metri di distanza ha sentito dei rumori sospetti provenire dall’appartamento ha subito chiesto l’intervento delle forze dell’ordine al 112. Nel frattempo i due malviventi stavano continuando il via vai tra l’abitazione e la loro vettura dove caricare la merce appena depredata. Ma il loro ultimo viaggio prima di fuggire gli è stato fatale perché sulla loro strada hanno incontrato gli agenti di Polizia che avevano già circondato quel palazzo.

I due georgiani – un 45enne giunto in Italia da poco e un 34enne con precedenti contro il patrimonio – sono stati sorpresi a controllare i cassetti dell’abitazione che stavano finendo di depredare. Gli agenti che li hanno beccati si sono sentiti dire che i due erano arrivati a Desenzano in treno, ma sospettando qualcosa hanno in effetti trovato il telecomando di un’auto a noleggio che hanno rintracciato e perquisito.

All’interno c’erano gioielli e denaro per un valore di 75 mila euro, ma anche arnesi da scasso e spray urticante. La coppia di malviventi, accusato di furto pluriaggravato, è finita in manette. Ieri, giovedì 13 febbraio, nel processo per direttissima il giudice ha convalidato l’arresto e disposto per entrambi il carcere da dove attenderanno il processo in programma il 18 febbraio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.