Desenzano, traffico di droga: arrestato ricercato in tutta Europa

I militari hanno fermato una Jaguar per un controllo. Alla guida c'era un latitante condannato a 10 anni.

(red.) Era ricercato in mezza Europa ed è stato trovato sulla sponda bresciana del lago di Garda. Si tratta di un 54enne inglese che nelle ore precedenti a venerdì 13 dicembre è stato arrestato dai carabinieri di Desenzano e Sirmione al termine di un normale controllo stradale. L’uomo, tra l’altro, deve scontare 10 anni di reclusione dopo essere stato condannato dalla giustizia spagnola per furto, ricettazione e traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Peccato che subito dopo la sentenza il 54enne sia fuggito rendendosi latitante e destinatario di un mandato di cattura europeo.

Come detto, i militari lo hanno fermato durante un controllo sul traffico e notando l’automobilista alla guida di una Jaguar. I guai per l’uomo sono scattati nel momento in cui il suo nome è stato inserito nella banca dati e facendo emergere il suo passato. Quindi, è scattata la perquisizione dell’auto trovando 14 mila euro in contanti e le chiavi di un appartamento di Desenzano. All’interno di questo c’erano 18 cellulari, tre tablet, due computer portatili e anche le chiavi di diverse auto. Altri 10 mila euro erano invece nelle mani della compagna.

Sentito su quel materiale, l’uomo ha detto di essere da pochi giorni a Desenzano, ma le forze dell’ordine ritengono ben altro. Infatti, l’inglese potrebbe trovarsi sul Garda da mesi e forse quell’ingente somma di denaro serviva a coprire la sua latitanza. Mentre i cellulari a tenere i contatti con altri presunti complici. Ma non è nemmeno escluso che quel denaro sia stato guadagnato con altri modi illeciti, oppure per aprire qualche attività. Un aiuto in questo genere potrebbe arrivare anche dal capire da dove provenga l’auto fermata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.