Mazzano, topo d’appartamenti braccato e finito in manette

Un 58enne di Fiesse con precedenti è stato arrestato. Aveva appena rubato dei gioielli da un'abitazione.

(red.) Giovedì 28 novembre i carabinieri bresciani della compagnia di Verolanuova hanno arrestato un pregiudicato 58enne mentre svolgevano nel proprio territorio dei normali controlli di contrasto ai furti in casa. E così hanno acceso i riflettori sull’uomo, residente a Fiesse, già noto alle forze dell’ordine.

Per l’intera giornata lo hanno pedinato fino a Mazzano dove hanno notato che l’uomo aveva lasciato la propria auto in una via vicina e prima di entrare in un’abitazione. Bloccate tutte le vie di fuga, quando l’uomo è uscito dalla palazzina si è visto circondato dai carabinieri che lo hanno fermato. Addosso aveva un cacciavite usato per forzare una finestra, ma anche catenine e gioielli d’oro che aveva appena rubato.

E non solo, perché nella sua casa, dove si è estesa la perquisizione, sono stati trovati altri monili frutto di altri colpi messi a segno in passato. L’uomo è finito in manette per furto aggravato e nel giudizio per direttissima si è visto convalidare l’arresto, con l’obbligo di dimora e di non uscire di casa dalle 19 alle 5.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.