Carpenedolo, bazar di oggetti rubati

Un arresto e tre denunciati a Carpenedolo. Hanno depredato utensili, gioielli e merce elettronica da fabbriche dismessi per rivenderli.

Più informazioni su

Bazar merce rubata(red.) Da un semplice controllo stradale alla scoperta di un vero e proprio bazar clandestino. Lo hanno trovato i carabinieri di Carpenedolo, nel bresciano, all’interno di una casa del paese della bassa e presa in affitto da pochi mesi. Tutto era partito nel momento in cui i militari, durante un normale posto di blocco lungo le strade, hanno visto un’Audi muoversi più volte in poco tempo e in entrambe le direzioni. Dopo i sospetti, hanno fermato il veicolo a bordo del quale c’erano un 45enne rumeno e senza fissa dimora e tre connazionali. Facendo una rapida verifica, i carabinieri hanno notato che l’auto era intestata a un prestanome con precedenti penali.
A quel punto gli approfondimenti hanno portato alla loro abitazione trovando diversi tipi di merce. C’erano trapani, saldatrici e utensili vari, ma anche gioielli, cellulari, pc portatili e profumi di marche note. Oggetti che la banda avrebbe rubato da fabbriche e capannoni dismessi, o in fallimento, tra Brescia e la provincia. Poi sarebbero stati rivenduti sul mercato nero. Durante i controlli, il 45enne ha tentato di fuggire, poi bloccato e arrestato. I tre complici, invece, sono stati denunciati a piede libero.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.