Quantcast

Ospitaletto, minaccia un’amica, arrestata

Una giovane è finita in Psichiatria al Civile dopo aver cercato di estorcere denaro a una conoscente e aver aggredito i carabinieri in caserma.

Più informazioni su

Minacce telefono(red.) Pazza, violenta e minacciosa. Sono le tre caratteristiche che potrebbero identificare una ragazza appena maggiorenne che ha tentato più volte di estorcere denaro a un’amica di età inferiore ai 18 anni. La situazione si è presentata a Ospitaletto, nel bresciano, dove l’aguzzina, senza lavoro, ha perseguitato per diverso tempo, anche con minacce, la più giovane. Era arrivata al punto di telefonarle e una volta avrebbe anche tentato di entrare nella sua casa inviando all’amica una foto mentre era in azione. Una serie di episodi che ha allarmato la vittima, chiamando i carabinieri per chiedere il loro intervento. La giovane malvivente è stata fermata dalle forze dell’ordine che l’hanno portata in caserma.
Ma qui è proseguita la scia di azioni violente, prima con il danneggiamento della sala d’attesa, poi sferrando calci e pugni ai militari ferendone uno. E’ stata arrestata e mercoledì 20 gennaio il giudice che ha convalidato il fermo ha disposto per lei i domiciliari e il trasferimento nel reparto di Psichiatria dell’ospedale Civile di Brescia. E’ lunga la lista delle accuse rivolte contro di lei: tentata estorsione, tentata violazione di domicilio, resistenza e violenza a pubblico ufficiale e lesioni personali, minaccia e danneggiamento aggravato e porto di oggetti atti ad offendere.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.