Quantcast

Rame e cascine, bassa nel mirino dei ladri

Quattro aziende agricole colpite tra sabato 21 e domenica 22 novembre. A Chiari due membri della Lega Nord scoprono cavi elettrici tagliati.

Più informazioni su

Carabinieri(red.) Tra sabato 21 e domenica 22 novembre la bassa bresciana è stata presa di mira dai ladri che hanno puntato i loro intenti criminali soprattutto sul rame e le aziende agricole del territorio. A Chiari un consigliere comunale della Lega Nord e il segretario locale dello stesso Carroccio hanno trovato depositati in una strada poco battuta del paese diversi cavi in rame. Materiale che probabilmente alcuni malviventi avevano rubato e tagliato per poi “parcheggiarlo” in attesa di portarlo via. Ma i due amministratori hanno allertato i carabinieri che sono arrivati prima dei ladri e hanno sequestrato tutto, avviando le indagini per identificare i predatori.
Altri episodi di furto hanno coinvolto quattro cascine tra Roccafranca e Comezzano Cizzago finite nel mirino di una banda. Nel primo caso la situazione più eclatante si è verificata venerdì notte 20 novembre quando hanno raggiunto il deposito di un’azienda agricola rubando vari arnesi e macchinari. In altri casi sono stati portati via alcuni flessibili e il computer di una stanza che controlla le mungiture.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.