Quantcast

Associazioni religiose contro il presidio

Acli, Associazione Centro Migranti, Cisl, Movimento Cristiano Lavoratori e UIL stigmatizzano i fatti accaduti sabato a Brescia.

manifestazione migranti(red.) Acli, Associazione Centro Migranti, Cisl, Movimento Cristiano Lavoratori e UIL stigmatizzano i fatti accaduti sabato a Brescia. “Siamo in prima linea nella costruzione di un pluralismo positivo, impegnate nella promozione del confronto tra i diversi soggetti presenti nella società civile in modo da favorire la loro partecipazione al discorso pubblico e al dialogo tra soggetti intermedi e istituzioni – scrivono in un comunicato congiunto -.
Gli immigrati, socialmente emarginati e culturalmente esclusi, rischiano di diventare più di altre figure sociali i soggetti esposti per essere arruolati nelle file di una protesta non finalizzata, con chi tenta di estremizzare un abisso che sembra incolmabile, mentre noi vogliamo non il presidio fine a sé stesso, ma presidiare il territorio per costruire una solidale convivenza multietnica, multiculturale, multireligiosa, perché con l’impegno di ascolto e di mediazione culturale tra religioni, valori, culture, tradizioni, costumi e consuetudini diverse si costruisca una comunità consapevole seppur ricca di presenze di diversa provenienza.
Ribadiamo la convinzione che solo nel dialogo e nel confronto anche con le istituzioni parlamentari e governative si possono ricercare i modelli di pacifica convivenza; questa è la strada del dialogo che stiamo percorrendo nella convinzione di trovarvi le risposte ai problemi che vivono le comunità straniere presenti nel nostro paese, ed evitare contrasti con la comunità bresciana sempre aperta e disponibile all’ascolto e all’accoglienza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.