Quantcast

Aggressione di stampo mafioso: sei in manette

Un calabrese 50enne rapinato, sequestrato, picchiato ed abbandonato lungo il Mella perchè si rifiutava di fare da prestanome ad una società.

Più informazioni su

(red.) Una vera e propria operazione di stampo mafioso quella messa in atto lo scorso 6 lulgio a Brescia, nella centralissima via Moretto, da un “kommando” disei persone che hanno sequestrato e minacciato un 50enne, di origini calabresi, residente a Roncadelle, per costringerlo a permanere nel suo ruolo di legale rappresentante come prestanome di una società riconducibile a due dei soggetti facenti parte della spedizione punitiva.
A scoprire cosa accaduto alla vittima del sequestro la questura di Brescia, che, con l’operazione denominata “Hazard” ha consentito di individuare i sei responsabili del rapimento e del violento pestaggio all’uomo, assicurandoli alal giustizia.
Le indagini hanno preso il via dalla segnalazione di alcune persone che in via Orzinuovi a Brescia, lungo la ciclabile del Mella, avevano notato il calabrese con ferite al volto e alla testa. L’uomo era stato soccorso e medicato, riportando una prognosi di 15 giorni.
Gli inquirenti hanno potuto appurare che alcuni componenti della banda, con precedenti e ritenuti contigui alla criminalità di stampo ‘ndranghetista, erano in grado di organizzare atti intidimidatori e blitz come quello ai danni della vittima per affermare la propria supremazia nahce nel terriorio bresciano.
In manette sono fnite sei persone, colpite da custodia cautelare in carcere. Gli indagati, tutti calabresi e residenti nel bresciano devono rispondere di lesioni personali, rapina, estprisone e sequestro di persona con l’aggravante dell’uso delle armi, nonchè del metodo mafioso.
Tre di questi sono indagati anche per tentato incendio di un capannone a Mairano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.