Pazzi per l’opera, l’Aida raccontata da un matematico

Sabato 30 novembre il Ridotto del Grande ospiterà il matematico Marco Degiovanni che racconterà il capolavoro verdiano

(red.) Il seguitissimo ciclo di conferenze dei Pazzi per l’Opera si chiude con l’incontro dedicato all’ultimo titolo in cartellone. Sabato 30 novembre alle ore 11.00 il Ridotto del Teatro Grande di Brescia ospiterà il matematico Marco Degiovanni che racconterà il capolavoro verdiano Aida.
Quella di venerdì 6 e domenica 8 dicembre è una messa in scena molto attesa dal pubblico bresciano dato che l’ultima rappresentazione di Aida risale al 1957. Il celebre debutto al Cairo prima e alla Scala poi ha destato subito grande entusiasmo nel pubblico, soprattutto per gli straordinari allestimenti che storicamente hanno caratterizzato l’opera.

 

In occasione dell’incontro di approfondimento di sabato non mancherà il dovuto cenno all’elegante allestimento proposto nel cartellone del Circuito OperaLombardia, firmato per regia e scene dal grande Maestro Franco Zeffirelli che aveva ideato lo spettacolo per inaugurare il centenario verdiano al piccolo Teatro Verdi di Busseto.
Il relatore, come sempre non addetto ai lavori ma entusiasta melomane, accompagnerà il pubblico nella comprensione dell’opera attraverso l’ascolto guidato delle più emblematiche arie.
L’ingresso è gratuito fino a esaurimento dei posti disponibili e l’accesso al Ridotto si effettua da Corso Zanardelli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.