Fine mandato, Ambrosi saluta la Camera di Commerico

Secondo il presidente uscente, di particolare rilievo, i progetti legati a Expo 2015 e il recupero del Brixia Forum e BresciaTourism.

(red.) Arrivata a conclusione del proprio mandato, la Giunta della Camera di Commercio di Brescia ha presentato oggi i risultati del lavoro svolto nell’arco del quinquennio 2014-2019 (a fine novembre è previsto il rinnovo degli organi camerali), evidenziato in una pubblicazione – il Bilancio di fine Mandato – che verrà distribuita agli stakeholders dell’Ente camerale.
Il Presidente Giuseppe Ambrosi ha evidenziato come il mandato non si fosse aperto sotto i migliori auspici, a causa del taglio triennale progressivo del diritto annuale, principale fonte di entrata delle Camere di Commercio, stabilito dal 2015 dal Governo Renzi, che avrebbe portato alla diminuzione progressiva delle risorse del 35%, del 40%, per arrivare a regime al 50%.
Nondimeno, i risultati conseguiti sono stati particolarmente significativi, a cominciare dalla partecipazione bresciana all’Esposizione universale – EXPO 2015, per la quale la Camera di Commercio ha fornito un rilevante sostegno, finanziario e operativo. “Il sistema Brescia – ricorda il Presidente Ambrosi – riunitosi in ATS fin dal 2013, ha da subito dimostrato di essere in vantaggio rispetto ad altri territori in tema di coordinamento delle iniziative dei progetti per Expo 2015″.
Di notevole rilievo, secondo l’ente camerale, e di grande importanza per il sistema economico locale, è stata poi la costituzione di un vero e proprio Tavolo di coordinamento tra Camera di Commercio, AIB, Comune e Provincia, che ha saputo offrire un esempio di sistema, creato per affrontare le varie tematiche infrastrutturali in modo sinergico e proattivo, nell’interesse del territorio.
Altro capitolo che ha caratterizzato il quinquennio è stato il progetto su Immobiliare Fiera di Brescia. “Ci siamo trovati a gestire una grave situazione di stallo – spiega Giuseppe Ambrosi – con un Ente privo di prospettive ed in forte difficoltà finanziaria. Si è, tuttavia, tracciato un percorso complesso, che ha portato la società in sicurezza finanziaria, consentendole di adempiere ai propri obblighi infrastrutturali nei confronti del Comune mediante la realizzazione del PalaLeonessa, ed affidando all’Azienda Speciale camerale Pro Brixia lo start-up del progetto Brixia Forum”. Da rilevare che nel 2019, la Giunta camerale ha anche avviato un nuovo percorso, finalizzato alla ristrutturazione del padiglione fieristico del Brixia Forum per favorire una crescita del livello qualitativo dell’offerta di servizi fieristici e convegnistici.

Altri risultati raggiunti, e messi in particolare evidenza, sono il sostegno offerto alle imprese in tema di quarta rivoluzione industriale – Impresa 4.0 e la promozione turistica del territorio bresciano grazie all’attività svolta dalla controllata Bresciatourism, che ha saputo coordinare gli attori sul territorio, continuando ad essere l’interlocutore principale con Regione Lombardia. Si sono poi intensificate, nell’arco del quinquennio, importanti collaborazioni con le Università, con importanti progetti formativi e l’avvio del nuovo corso nell’ambito della facoltà di Agraria in stretta collaborazione con Regione Lombardia. Particolare rilievo è stato dato anche agli aspetti gestionali. Nel corso del mandato, la Giunta ha infatti mantenuto l’obiettivo di consolidare l’equilibrio economico-patrimoniale dell’Ente, sostenendo gli investimenti finanziari già programmati e rendendo disponibile il massimo delle risorse possibili per nuove iniziative promozionali.
Infine, in paragone alle altre Camere di commercio italiane del proprio “cluster” di riferimento, da evidenziare che la Camera di Commercio chiude il quinquennio 2014-2019 in vetta a tutte le classifiche di indicatori di efficacia (costo medio del personale, spese di gestione grado di restituzione alle imprese del territorio in interventi promozionali).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.