Commercio, in 11 anni Brescia ha perso un terzo delle imprese

Nel capoluogo sono scomparse tra il 2010 e il 2021 oltre 1.600 attività del settore. Lo dice una ricerca commissionata da Confcommercio. Massoletti: “Ora bisogna far fronte al caro-energia e agli effetti della guerra".

(red.) Oltre 1.600 imprese del commercio sono state perse nel comune di Brescia dal 2010 al 2021, ossia più di un’impresa su tre (34,6%), il peggior risultato a livello di capoluoghi lombardi: questo è uno dei dati emersi nella conferenza-stampa organizzata da Confcommercio Brescia, in cui sono state presentate l’“Indagine sull’andamento economico delle imprese bresciane del commercio, del turismo e dei servizi. Analisi al 15 marzo – La difficile ripresa dalla pandemia e l’influenza della guerra”, commissionata all’istituto di ricerca Format Research, e l’appendice “Indagine sull’evoluzione demografica delle imprese del commercio nei comuni capoluogo in Lombardia” a cura dell’Ufficio Studi di Confcommercio Brescia.
“Il dato”, ha detto il presidente di Confcommercio Brescia Carlo Massoletti, “è certamente drammatico, anche perché tutti gli altri capoluoghi lombardi hanno sofferto in misura minore e, anzi, alcuni dal 2010 hanno addirittura incrementato il numero delle imprese del commercio. Nel periodo del Covid (2019-2022), la riduzione si attesta in linea con le altre città lombarde, a dimostrazione della determinazione degli imprenditori bresciani nel far sopravvivere la propria attività nelle difficoltà”.
Le imprese del commercio hanno dovuto far fronte in questo inizio del 2022 anche a una cattiva stagione dei saldi: due imprese su tre hanno registrato dati inferiori rispetto ai saldi invernali 2020 (pre-pandemia) e addirittura il 58% ha registrato meno visite dai clienti nel gennaio di quest’anno rispetto all’anno scorso, quando i negozi di commercio al dettaglio dovettero tenere chiuso per dodici giorni a causa della “zona rossa”.
Per il caro-energia, oltre tre imprese su quattro del commercio, del turismo e dei servizi hanno subito un aumento dei costi da parte dei fornitori e il 65% ha già riscontrato i rincari dell’energia elettrica. La situazione è destinata a peggiorare ulteriormente in conseguenza della guerra ucraino-russa: più della metà degli imprenditori bresciani si attende un impatto rilevante sulla propria attività, principalmente per quanto riguarda i costi dell’energia e delle materie prime, ma è prevista anche una riduzione dei ricavi nelle prossime settimane.
“È ovvio”, ha concluso Massoletti, “che l’evoluzione della guerra andrà anche ad influire sulla fiducia sia delle imprese che dei consumatori; senza dimenticare l’inflazione in vertiginoso aumento che sta diminuendo il potere di acquisto delle famiglie”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.