“Mettiti nei miei panni” Palazzolo vince bando

Più informazioni su

    (red.) Il Comune di Palazzolo sull’Oglio ha ottenuto un contributo di 11.680,00euro, per il progetto “Mettiti nei miei panni”, nell’ambito dell’iniziativa di Regione Lombardia: “Progettare la parità in Lombardia – 2019”. Il progetto rientra fra le 47 richieste di finanziamento presentate da amministrazioni pubbliche locali e da soggetti del terzo settore, delle quali solo 22, tra cui il Comune di Palazzolo sull’Oglio, sono risultate ammesse e finanziate dalla Regione Lombardia. Obiettivo del progetto è la decostruzione di stereotipi e pregiudizi legati al ruolo delle donne, delle ragazze e delle bambine in vari contesti di vita, con un particolare riferimento all’ambito dell’orientamento scolastico e professionale, alla partecipazione delle donne alla vita economica e pubblica e ai temi della salute.

     

    Nella realizzazione di questo progetto, l’Amministrazione Comunale di Palazzolo sull’Oglio, in quanto soggetto capofila, sarà affiancata da 5 partner: l’Associazione di Promozione Sociale “Le donne del Terzo Paradiso”, l’Istituto di Istruzione Superiore “Cristoforo Marzoli”, il I° ed il II° Istituto Scolastico Comprensivo di Palazzolo sull’Oglio e l’Associazione di Promozione Sociale Pensionati. Il progetto sarà presentato alla Cittadinanza il prossimo dicembre e si svilupperà su due fasi:

     

    1.      Una fase di sollecitazione, rivolta a tutta la cittadinanza, attraverso l’installazione fotografica “Mettiti nei miei panni” collocata nelle Piazze Roma e Zamara: 43 fotografie-ritratti, a grandezza reale, di donne italiane e straniere, indossano abiti di altre donne/culture, mettendosi fisicamente nei loro panni.

     

    2.      Una fase di approfondimento attraverso percorsi didattici e formativi, che prevede un lavoro di indagine sugli stereotipi di genere, pregiudizi, aspettative e immagini di sé, attraverso incontri, questionari e interviste a persone di diverse età, partendo dalle classi filtro dei diversi ordini di scuola – scuola dell’infanzia, scuola secondaria di primo grado, scuola secondaria di secondo grado indirizzo tecnico e scientifico – terminando con esponenti della terza/quarta età.

     

    Le attività di “Mettiti nei miei panni”, che si svolgeranno a partire da dicembre 2019 fino a giugno 2020 e vedranno la collaborazione delle istituzioni comunali con quelle scolastiche e le realtà associative palazzolesi, saranno diverse: le fotografie dell’installazione “Mettiti nei miei panni”, verranno divise ed esposte nei vari Istituti Scolastici coinvolti nel progetto. Le classi dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Cristoforo Marzoli” rifletteranno sul tema delle pari opportunità e lavoreranno, con la supervisione di esperte, alla costruzione di un questionario che sarà sottoposto in seguito alle altre classi e agli altri istituti, nonché all’Associazione Pensionati, altro partner del progetto. Tutte le classi dell’Istituto Comprensivo “E. Fermi” e dell’Istituto Comprensivo “M. L. King” rifletteranno a loro volta sul significato delle immagini fotografiche dell’installazione e approfondiranno le tematiche della parità di genere in specifici percorsi didattici. Presso le quattro scuole statali dell’infanzia invece sarà svolta, a cura delle classi del Liceo di Scienze Umane dell’IIS Marzoli, un’attività di raccolta dati tramite “interviste” di gruppo, giochi di ruolo e attraverso il Gioco del “Terzo Paradiso”: gioco analogo al “gioco dell’oca”, che ripropone in chiave ludica il simbolo ideato dall’artista Michelangelo Pistoletto del Terzo Paradiso, dove il simbolo dell’infinito è arricchito da un terzo cerchio che fonde gli elementi estremi IO-TU in un NOI. In seguito i dati raccolti, una volta elaborati, saranno comunicati in un primo momento a tutti gli Istituti Scolastici e successivamente presentati a tutta la cittadinanza.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.