Chiari, malore in piscina: anziano salvato dal defi

E' successo sabato quando un 70enne ha accusato un malore mentre nuotava e si è accasciato dopo essere risalito da una scaletta. E' stato portato in ospedale.

(red.) Salvato grazie al defibrillatore che era presente all’interno della struttura sportiva. E’ quanto successo nel tardo pomeriggio di sabato 19 ottobre alla piscina di Chiari, nel bresciano, a un 70enne. L’anziano aveva raggiunto l’impianto per concedersi qualche vasca nuotando come era solito fare anche per tenersi in forma. Ma a un certo punto, pochi minuti prima delle 18,30 si è avvicinato a una scaletta per risalire dall’acqua e dopo aver sentito un malore.

Si è poi accasciato ed è stato subito soccorso dal personale della piscina che ha usato il defibrillatore per la prima assistenza medica. Sul posto sono poi arrivate l’automedica e un’ambulanza a bordo delle quali i sanitari hanno operato per un’ora per rianimare il bagnante. E’ stato poi condotto all’ospedale Mellini e non sarebbe in pericolo di vita.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.