Beccato in un capannone e picchia i poliziotti

Un 36enne camerunense sorpreso in via Chiappa, in città, dopo aver forzato l'ingresso di un'azienda. Scoperto dal titolare, si è scagliato contro agenti.

Più informazioni su

(red.) L’altra mattina, giovedì 17 ottobre, una Volante della Polizia di Stato di Brescia è stata impegnata nel portare a termine un arresto nei confronti di un uomo di 36 anni camerunense che era entrato in una proprietà privata. A lanciare l’allarme alle forze dell’ordine era stato il titolare di un capannone in via Chiappa, in città, dopo aver visto forzata la porta d’ingresso principale.

A quel punto gli operatori hanno effettuato un sopralluogo nei locali e trovando lo straniero che forse si era introdotto la sera precedente per cercare un rifugio dove trascorrere la notte. E per lui i guai sono aumentati perché, oltre alla violazione di un’attività privata, alla vista dei poliziotti si è scagliato contro di loro. Per lui è quindi scattato l’arresto per resistenza a pubblico ufficiale. Ieri, venerdì, l’uomo è stato portato in tribunale per il processo per direttissima in cui l’arresto è stato convalidato, ma poi il 36enne è stato rilasciato tornando in libertà in attesa del processo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.