Tavernola, “amianto nella discarica Sebino“

Il circolo Legambiente del Basso Sebino lancia l'allarme per i materiali di scarto in gomma tra i rifiuti alto 40 metri. Il rischio è un disastro ambientale.

(red.) Si torna a parlare della discarica subacquea trovata nel lago d’Iseo, lungo la sponda bergamasca davanti a Tavernola. Sono stati i carabinieri della compagnia orobica a portarla alla luce attraverso il loro personale che ha notato una vera e propria montagna alta 40 metri e incagliata tra le rocce e piena di scarti di tipo industriale. Ma ora il rischio principale è che si tratti di un vero e proprio disastro ambientale. Infatti, come solleva il Circolo Legambiente del Basso Sebino, i materiali dominanti che compongono quella discarica sono plastiche che contengono amianto anche fino a percentuali molto alte.

Tutti pezzi di scarto che nel passato diverse aziende hanno eliminato in modo illegale scaricandoli nel lago. E ora il circolo di Legambiente chiede che quella discarica venga subito eliminata per non rovinare ulteriormente l’ecosistema e propone ai sindaci e alle imprese che lavorano gomma di formare un comitato dedicato sul tema.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.